La nuova frontiera della liposcultura: la Lipolaser

Sembra che abbiano tutti i mezzi a loro disposizione per riuscirci senza fare alcun sforzo… e funziona sempre!

Quando le star decidono di sbarazzarsi dei loro chiletti superflui, le escogitano tutte! Cambio di vita drastico, sport, sport e ancora sport, diete. Ma volte tutto questo non sempre basta, ed è cosi che ricorrono ad altri rimedi seppur chirurgici ma poco invasivi. L’alternativa quindi esiste e si chiama LASERLIPOLISI.

Scioglie il grasso donando nuovo vigore alla pelle, rafforzandone la struttura.

Il trattamento consiste in una fibra ottica , collegata al laser, viene immessa, attraverso una minuscola incisione, nell’accumulo adiposo mediante una cannula molto sottile e manovrata con movimenti leggeri.

L’energia del laser distrugge le cellule grasse-adipociti- che si sciolgono. Il grasso liquefatto fuoriesce dal piccolo buchino dove la cannula è stata inserita. Il chirurgo provvede poi a rimuovere la sostanza oleosa  e cio’ consente di visualizzare i risultati rapidamente. Altro grasso residuo che rimane in circolo viene assorbito dal corpo ed eliminato dal sistema linfatico.

Alla fine del trattamento viene eseguito il bodytiteing nel quale si ripassa il laser per ottenere un effetto stringente della cute e rassodarla, poi viene applicato un cerotto e la paziente è pronta per andar via.

In quanto tempo si esegue ?

Solitamente addome ed interno ginocchia, massimo 50 minuti. Di meno i fianchi, le culotte de cheval, massimo un quarto d’ora a cuscinetto.

Ottimi risultati anche agendo sul doppiomento, braccia e schiena.

Quali sono i vantaggi rispetto alla liposuzione tradizionale?

Si tratta di un trattamento ambulatoriale non invasivo, di breve durata.

Non si mettono punti, non lascia cicatrici, non ci sono rischi vascolari, ne’ di tromboembolia. Anzi, con l’uso del laser non solo si ottiene l’eliminazione dei cuscinetti con un solo trattamento,senza avvallamenti o imperfezioni, ma la cute assume un aspetto migliore perchè il calore del laser riesce a  creare le condizioni ideali per riattivare  i fibroblasti e produrre collagene.

Si preferisce il laser alla liposuzione tradizionale poichè ha due pregi esseziali: la capacità coagulativa e sterilizzante e quindi meno rischi di sanguinamento e di infezioni posto operatori. Oltretutto il laser è dotato di una luce ottica rossa che permette al chirurgo di controllare esattamente la posizione della sonda a livello sottocutaneo.

Al termine della liposuzione laserguidata, si esegue un skintiteing che consiste in una retrazione dei tessuti mediante il calore sprigionato dal laser, e questa è una delle caratteristiche principali che distingue la tecnica del laser dalla liposuzione tradizionale.

quant’è il tempo di recupero?

L’azione del laser non è traumatica, non si avverte dolore, nè gonfiore, tuttavia può comparire qualche livido.

L’unica raccomandazione è indossare un elemento di compressione per circa due settimane mattina e sera e poi solo la sera per altre due settimanee sospendere la ginnastica per due settimane.

I risultati sono immediati?

I risultati definitivi si osservano dopo 4 settimane dall’intervento e sono definitivi dopo 4 mesi.

Consiglio un massaggio linfodrenanante per stimolare la circolazione venolinfatica e ridurre il gonfiore. Se eventualmente si dovesse aumentare si peso, il grasso verrebbe distribuito in altre parti del corpo.

 

A cura di

Alessandro Magni

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *